DOT è la criptovaluta del momento, che ha fatto già registrare degli importantissimi aumenti di valore e che sembra avere davanti dei trend molto interessanti, anche su orizzonti molto lontani nel tempo. Al centro di un progetto di intercambiabilità tra altre blockchain e nata dalle stesse menti di Ethereum, Polkadot potrebbe essere una buona alternativa per il nostro portafoglio di investimenti in criptovalute.

 

Tre ragioni per cui Polkadot è diretto verso un nuovo massimo storico dopo la ripresa del 256%

  • Cresce l’integrazione di Polkadot nella DeFi

    L’ecosistema di Polkadot sta assistendo a un crescita costante. L’8 settembre, l’aggregatore di dati decentralizzato SubQuery ha raccolto 9 milioni di dollari per sviluppare il primo livello di aggregazione dati di Polkadot.

    Inoltre, la parachain Moonbeam ha token creati utilizzando lo strumento di sviluppo di Polkadot (Substrate). Questi token possono essere inviati direttamente a wallet e smart contract di Ethereum. Il 9 settembre, Moonbeam ha annunciato una partnership con Lido, un protocollo di staking liquido decentralizzato attualmente implementato su Ethereum, Terra e Solana.

    L’aggiornamento più recente arriva dall’exchange decentralizzato (DEX) dTrade. Dopo aver raccolto 6,4 milioni di dollari in un round di finanziamento seed a maggio 2021, il DEX ha istituito un fondo di market making da 22,8 milioni di dollari progettato per fornire “liquidità profonda” e supportato da alcuni dei market maker più conosciuti nel settore crypto.

  • I derivati suggeriscono potenziale per un nuovo massimo storico

    Gli analisti tecnici sono veloci a fare previsioni sul prezzo, ma gli investitori dovrebbero analizzare i dati relativi ai derivati su Polkadot. Per esempio, un premio inesistente dei contratti future significa che gli investitori non si fidano a creare posizioni rialziste utilizzando leva finanziaria.

    Negli ultimi 30 giorni, l’open interest totale dei future su DOT è aumentato da 360 a 685 milioni di dollari. Si tratta di un fattore positivo in quanto riflette l’intenzione dei trader di mantenere aperte le proprie posizioni long nonostante il rally.

    Nel trading di contratti future, le posizioni long (compratori) e short (venditori) sono sempre corrispondenti, ma la loro leva varia. Eventuali squilibri sono visibili nel funding rate, che gli exchange di derivati applicano al lato che sta usando più leva per equilibrare il rischio.

  • Il costante sviluppo del protocollo è decisivo per il prezzo di DOT

    Nella prima settimana di settembre, una sana dose di ottimismo è emersa quando il funding rate a otto ore ha raggiunto lo 0,10%, equivalente a un tasso settimanale del 2,1%. Tuttavia, il 7 settembre la situazione si è capovolta dopo un crollo del 35% per il prezzo di DOT.

    Il minimo locale a 22,70$ toccato una settimana fa potrebbe sembrare irrilevante dato che DOT si trova a circa 36$, ma l’interesse dei trader per posizioni long con leva non si è ancora ripreso da questa correzione.

    Lo scenario più probabile risulta piuttosto ottimistico e vede gli investitori ritrovare la fiducia mentre il progetto continua a fare passi avanti.

La ripresa del 256%

La recente ripresa del 256% registrata da Polkadot (DOT) negli ultimi 56 giorni è stata a dir poco spettacolare. Anche se il prezzo si trova a livelli più bassi del 23% rispetto al massimo storico di 49,80$ segnato quattro mesi fa, negli ultimi trenta giorni la capitalizzazione di mercato da 39 miliardi di dollari dell’altcoin ha sovraperformato Ether (ETH) del 66%.

Grafico da investing.com.

Polkadot presenta un quadro di lungo periodo molto interessante e – come abbiamo appena visto – offre delle buone prospettive anche sul breve periodo. L’indicazione chiara in entrambi i casi è di comprare Polkadot adesso, per mezzo dei migliori exchange consigliati per Polkadot, e di rivendere, possibilmente, sul medio e lungo periodo, approfittando del trend atteso.

 

CONCLUSIONI:

Polkadot ha alcuni fondamentali solidi. Ha un team di gestione esperto e una comunità ampia e dedicata di sviluppatori. Ancora più importante, la sua tecnologia potrebbe risolvere un problema crittografico chiave: l’interoperabilità.

 

Perché chi sfrutta il momento, guadagna!

What's your reaction?
Happy0
Lol1
Wow2
Wtf0
Sad0
Angry0
Rip0
Leave a Comment